Cos’è l’apprendimento mobile, l’ultima rivoluzione dell’e-learning

L’apprendimento mobile è ancora una volta riconosciuto come uno dei trend più rilevanti nell’e-learning per i prossimi anni. Perché è così importante e che impatto ha sul mercato della formazione? In questo articolo mostreremo alcuni dati sull’uso dei dispositivi mobili e proveremo a spiegare come i formatori possano sfruttare questa rivoluzione. 

 

COS’È L’APPRENDIMENTO MOBILE

Chiamiamo “apprendimento mobile” quella tipologia di apprendimento a distanza che fa uso di dispositivi mobili quali tablet e smartphone. Nonostante sia parte della categoria più generale dell’e-learning, esso presenta delle caratteristiche differenzianti. L’apprendimento mobile elimina qualsiasi limitazione legata allo spazio e tempo per la formazione: gli studenti possono imparare ovunque e in qualsiasi momento, semplicemente usando i loro dispositivi personali

 

ALCUNI DATI SUI DISPOSITIVI MOBILI

Un’interessante ricerca sui lavoratori condotta da Towards Maturity ha mostrato che il 90% del personale possiede uno smartphone e/o tablet e il 74% li utilizza per accedere a risorse a scopo lavorativo. Certamente, questo utilizzo massiccio dei dispositivi mobili ha portato alla diffusione dell’apprendimento mobile, dal momento che sembra che più della metà delle persone (57%) apprezzino di poter accedere alla formazione in movimento e soltanto il 18% apprende seduto alla propria scrivania. 

Come conseguenza di ciò, i dipartimenti di Apprendimento & Sviluppo stanno cercando di stare al passo offrendo alcune forme di apprendimento mobile (nel 67% delle organizzazioni), per esempio offrendo smartphone e tablet agli impiegati (37%) o abilitando risorse didattiche specificatamente pensate per i dispositivi mobili (38%). 

 

I LIMITI DELL’APPRENDIMENTO MOBILE

L’obiettivo principale dietro la spinta per l’utilizzo dell’apprendimento mobile è di facilitare l’apprendimento continuo, ma ciò non sembra star accadendo molto spesso. Come mai?

Lavorando con aziende e formatori in giro per il mondo, abbiamo imparato che il problema è spesso legato ad una mancanza di fiducia nel mezzo stesso. Dal punto di vista dei formatori, l’apprendimento mobile sembra portare a una perdita di contatto con gli studenti, e quindi a una perdita di controllo sui loro progressi. Dall’altra parte, nonostante apprezzino l’idea di imparare ovunque e in qualsiasi momento, le persone non sono ancora abituate a farlo: la maggior parte necessita ancora di un luogo e momento didattico specifico per portare avanti attività di apprendimento. 

 

LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO È LA CHIAVE

Come è possibile superare questi problemi? In primo luogo, educando. 

Come spiegato in un articolo precedente, grazie al monitoraggio a distanza, la formazione digitale non implica una carenza di controllo sulle azioni degli studenti né significa che il formatore non possa intervenire nel processo qualora sia necessario. Imparare a conoscere come funziona davvero l’apprendimento mobile potrebbe pertanto risolvere molti dei dubbi sulla sua efficacia, riuscendo così a portare a bordo i formatori

Se si parla degli studenti, invece, il percorso potrebbe essere più tortuoso: è un dato di fatto che i dispositivi mobili stanno diventando estremamente presenti nelle nostre vite, ma è ancora vero che essi vengono principalmente utilizzati a scopo ricreativo. Una politica di gestione del cambiamento dedicata dovrebbe aiutare le persone ad abituarsi a vedere i dispositivi mobili come veri e propri strumenti di apprendimento, ancora una volta educandoli sui benefici che possono apportare. 

 

I dati che abbiamo mostrato spiegano perché non si possa più evitare di parlare di apprendimento mobile e cercare nuove risposte a tutte le preoccupazioni nate dalla sua diffusione, a partire dalla più comune: cosa accade alle interazioni sociali? Scopri come l’e-learning può essere “sociale” nel prossimo articolo!: 

 

 

RIFERIMENTI

Towards Maturity, In-Focus: Learning and Performance on the Move

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!