L’e-learning a supporto della formazione sulle soft skill

Parlando di progettazione didattica, abbiamo detto che è importante conoscere il potenziale dell’e-learning per poterlo integrare all’interno del processo formativo, e ciò sembra particolarmente vero quando sono coinvolte le soft skill. Quando è possibile usare la formazione digitale per supportare le tue lezioni frontali e con che scopo? Continua a leggere per scoprirlo. 

 

IL BLENDED LEARNING PER LA FORMAZIONE SULLE SOFT SKILL

Il blended training consiste nell’uso di mezzi e strategie tradizionali e digitali all’interno del medesimo processo di apprendimento. Come detto in un precedente articolo, è il metodo preferibile per la formazione sulle soft skill poiché sembra adattarsi alla perfezione al bisogno di apprendimento autonomo e di interazione umana particolarmente efficace in questo campo. 

Certamente, è molto importante capire che la formazione in aula e l’e-learning non si possono sostituire a vicenda, né per le soft skill che per le competenze più tecniche: coprono aspetti differenti del processo di apprendimento ed è necessario che siano introdotte al momento giusto per ottenere i risultati migliori

 

L’USO DELL’E-LEARNING: QUANDO E PERCHÉ

In relazione alla formazione sulle soft skill in aula, l’e-learning può venire in aiuto in tre momenti principali – prima, durante e dopo -, ovviamente con scopi differenti. 

  • PRIMA DELLA FORMAZIONE IN AULA

Prima di entrare in aula, è importante assicurare che tutti gli studenti condividano un bagaglio di conoscenza e un glossario comune, per facilitare il lavoro del formatore. A questo scopo, l’e-learning può essere utile per coprire la parte teorica preliminare necessaria per affrontare gli aspetti chiave del corso. Allo stesso tempo, permette agli studenti di auto-valutare la propria conoscenza prima delle lezioni in aula, usando test specifici e, se necessario, avendo accesso a contenuti per colmare le lacune

Quando l’e-learning è usato a tale scopo, tuttavia, è fondamentale che gli studenti siano consapevoli che si tratta di un prerequisito obbligatorio per le lezioni in aula. A tal proposito, il monitoraggio a distanza che caratterizza gli LMS può aiutare i formatori a controllare se gli apprendenti hanno davvero visto il contenuto e, al contempo, di farsi un’idea del livello generale della classe prima di incontrare gli studenti. 

  • DURANTE LA FORMAZIONE IN AULA

La formazione in aula serve a rinforzare gli argomenti nei quali gli studenti sembrano avere più dubbi e difficoltà, nonché a coprire la parte pratica difficile da spiegare attraverso l’e-learning, soprattutto quando si parla di soft skill. Questo è il momento per sfruttare l’interazione umana per condividere informazioni provenienti dalla vita reale e dall’esperienza quotidiana, permettendo agli studenti di fare domande e partecipare attivamente alla lezione. 

Insieme alla formazione frontale, l’e-learning può essere utile per rendere disponibili dei riferimenti, ovvero una raccolta di documenti e risorse esterne per supportare ciò che è stato discusso in aula. Ciò può aiutare a creare un approccio adattivo e permettere a ciascuno studente di personalizzare il processo di apprendimento secondo i propri bisogni.

Allo stesso tempo, l’e-learning può fungere da supporto per la creazione di community: le funzionalità sociali dell’LMS come forum e esercizi di gruppo possono aiutare gli studenti a sentirsi maggiormente coinvolti e a lavorare in team per raggiungere specifici obiettivi, simulando ciò che accade nella vita reale. In ogni caso, è fondamentale assicurare sempre che vengano usate fonti affidabili e che ci sia coerenza in tutto il corso, coinvolgendo gli studenti in attività che sono inserite nel progetto formativo generale.

Infine, l’e-learning può anche venire utilizzato per fare test intermedi, al fine di motivare gli studenti e monitorare i loro progressi alla fine di ciascun modulo e prima del giudizio finale, che verificherà il raggiungimento di tutti gli obiettivi di apprendimento

  • DOPO LA FORMAZIONE IN AULA

Dopo il completamento del corso, tutti i materiali e contenuti utilizzati nelle fasi precedenti dovrebbero essere resi disponibili agli studenti per consultazione e revisione. Con le soft skill, infatti, fare formazione ricorrente è fondamentale per non perdere di vista ciò che è stato detto durante le lezioni, pertanto l’e-learning può aiutare a rinfrescare le conoscenze e tenerle sempre vive nella memoria

 

Ora dovresti capire con maggiore chiarezza quale sia il posto dell’e-learning all’interno di un processo di formazione blended sulle soft skill e come la scelta di un mezzo piuttosto che l’altro sia strettamente legata agli obiettivi specifici che si vuole raggiungere. In che modo puoi fissare gli obiettivi di apprendimento per il tuo programma formativo? Scoprilo nel prossimo articolo!

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!